Queste pagine sono dedicate alla figura di Luciano Chailly, compositore eclettico che con la sua opera ha attraversato il '900.

In evidenza

Una rassegna di video interventi in cui personalità del mondo della musica e della musicologia affronteranno la sua poliedrica figura artistica, la sua attività compositiva e il suo impegno in veste di promotore di iniziative musicali.

La puntata è disponibile in podcast sul sito di Raiplayradio

Un sito per valorizzare e far conoscere la figura e l'arte di Luciano Chailly attraverso il materiale tratto dal suo archivio

Dal 2018 è depositato presso l'Archivio provinciale di Trento l’archivio del compositore e direttore d’orchestra Luciano Chailly. L’archivio, dichiarato di interesse culturale, è una risorsa si estrema importanza, non solo musicale - esso contiene infatti le partiture e i manoscritti, talvolta inediti, delle sue opere e composizioni - ma anche per una più profonda comprensione di quella che è stata la cultura nel periodo delle avanguardie europee degli anni sessanta e settanta, in particolare per le esperienze innovative nello studio del teatro musicale. Negli anni cinquanta conosce Dino Buzzati e inizia una collaborazione che si trasforma in amicizia. Insieme producono un racconto musicale sperimentale e in seguito Buzzati scrive per il compositore i libretti di altre opere musicali. Collabora inoltre con compositori nel teatro d’opera, di balletto e di prosa, con collaboratori di cinema, radio e televisione, come ad esempio Bacchelli, Malipiero, Berio, Morricone, Antonioni, Rossellini e tantissimi altri. Luciano Chailly fu anche docente universitario, direttore artistico dei più importanti teatri musicali italiani, direttore dei programmi musicali della RAI e critico musicale. Compare nei più importanti testi di storia della musica, nelle enciclopedie e nei dizionari musicali.